Maroua è situata in una regione molto variata che offre continue occasioni di stupore al visitatore. Salendo verso i monti Mandara e i Kapsiki si scopre una delle più belle regioni al mondo per i suoi paesaggi affascinanti dove vivono persone molto accoglienti. Vi troverete immersi in un'Africa "profonda" che respira al ritmo di tradizioni ancestrali. La coltivazione del miglio è l'attività principale degli indigeni, ma v'incontrerete anche personaggi "speciali", come gli stregoni che si servono dei granchi per svelarvi il futuro e quelli che operano con un uccello. Anche i fabbri del bronzo, le ceramiste e i tessitori di cotone resteranno a lungo nelle vostre memorie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nelle grandi pianure a nord e a est di Maroua troviamo altri punti di grande interesse: la grande riserva di Waza (e altre meno grandi) dove potrete osservare i grandi animali della fauna africana (elefanti, leoni, giraffe, antilopi,...); le famose case di argilla a forma di obice, verso Maga e il fiume Logon che forma la frontiera con il Ciad.
A nord-ovest di Marua, su di una collina, non bisogna perdere la visita alla stupenda casa del sultano di Oudjila e della sua quarantina di mogli.
Sarà per noi un piacere consigliarvi sull'organizzazione di escursioni verso questi ed altri luoghi.

 
 
 
Click sulla foto per ingrandirla
Sto caricando...
I Kapsiki sono formati da un altopiano posto tra i 1000 e i 1300 metri d'altitudine. Da questo altopiano scendono verso est (Camerun) e Ovest (Nigeria) ampie vallate che imponenti picchi vulcanici rendono ancora più spettacolari.
La domenica è giorno di mercato a Rhumsiki. Molta gente vi si reca, soprattutto per bere il bil-bil, bevanda leggermente alcoolica preparata con il miglio bianco. Spostandosi da un villaggio all'altro tutti i giorni c'è un mercato.
Ci sono due tipi di fabbri in queste montagne: quelli del ferro, che producono gli attrezzi di lavoro (zappe, armi, ecc.), e quelli del bronzo, che ancora oggi forgiano i monili, i perizomi delle donne, le tabacchiere degli uomini, etc. Qui il fabbro di Hamza.
Il sultano di Oudjila e la sua quarantina di mogli sono molto conosciuti nella regione. La sua casa, che si può visitare, è molto bella e impressionante, con le molte camere e i corridoi oscuri, dove vive anche il toro sacro.
Il miglio (e sempre di più il mais) è il principale nutrimento in queste reglioni e dunque il vegetale più coltivato. In giugno si incomincia ad aspettare la pioggia, la cui stagione dura sino a fine settembre, momento del raccolto.
Si coltiva molto cotone nel Camerun settentrionale. La maggior parte è filata altrove, ma una certa quantità è lavorata sul posto con metodi tradizionali e tessuta con telai a mano.
I picchi vulcanici che si ergono nel cielo dei Kapsiki sono una delle meraviglie di questa regione. Tra i più noti lo Ziwi di Rhumsiki e i picchi di Mogodé.
Visitando i mercati s'incontrano personaggi speciali: lo stregone, il maestro della pioggia e, come qui, un griot, cantastorie, con il suo strumento.
Lo stregone dei granchi ha una funzione centrale nella società. La sua capacità di comunicare, per il tramite del granchio, ne fanno un regolatore della comunità, formata dai vivi e dai morti.
Molto nota è la riserva di Waza dove, soprattutto durante la stagione secca, si possono ammirare grandi branchi di elefanti e altri animali (leoni, giraffe, bufali, antilopi).
Molto nota è la riserva di Waza dove, soprattutto durante la stagione secca, si possono ammirare grandi branchi di elefanti e altri animali (leoni, giraffe, bufali, antilopi).
Maroua si trova in una grande pianura che s'estende sino al lago Ciad, e oltre. In questa regione si possono ancora vedere alcune di queste strane case.
Ci vuole qualche giorno per preparare il bil-bil che sarà venduto al mercato. Qui le donne in pieno lavoro di filtraggio.
Uno dei mercati più movimentati è quello di Tourou, alla frontiera con la Nigeria. Le donne di Tourou si coprono la testa con mezza calebassa tinta di rosso, sembrando soldati d'uno strano esercito.
Anche dalla montagna dietro Mokolo, dalle parti di Zivert, si vedono panorami da sogno come qui al sorgere del sole.
I Kapsiki sono una regione di sassi, ce ne sono di ogni forma e dimensione. Talvolta offrono uno spettacolo d'equilibrio instabile.
A sud-est di Garoua, oltre Poli, verso una catena montagnosa che continua la frontiera con la Nigeria, i monti Alantika.
Un albero, ma non uno qualsiasi, caratterizza il paesaggio. È il più imponente di tutti gli alberi: il baobab non teme nulla, nemmeno il fuoco.